Il primo passo concreto in direzione del controverso progetto Citylife con il completamento della prima fase dell’intervento di verde pubblico che entro il 2015 dovrebbe regalare a Milano il terzo polmone verde dopo parco Sempione e i giardini Montanelli.

Vai alla pagina ufficiale del Parco di CityLife »

Dove c’era il recinto storico della Fiera di Milano, dove ha vissuto per decenni la Campionaria, oggi sta crescendo il quartiere di City Life. Ma domani, su quell’area, nascerà il terzo parco urbano più grande della città dopo il Sempione e i giardini Pubblici Indro Montanelli.

Vai alla pagina ufficiale del Parco di CityLife »

Citylife prende forma. E mentre passando dai viali che costeggiano la vecchia fiera si iniziano a vedere le “sagome” dei nuovi palazzi, il primo elemento che viene dato alla città è una sorta di “parterre”, di camminata nel verde accanto all’asse di viale Ezio e viale Belisario. Quasi 11mila mq di superficie per circa 1 milione di euro. I lavori sono durati sette mesi.

Vai alla pagina ufficiale del Parco di CityLife »

Una distesa verde di 168mila metri quadri con più di 2mila alberi che contribuiranno ad assorbire oltre 40 tonnellate all’anno di anidride carbonica.

Vai alla pagina ufficiale del Parco di CityLife »

Un parterre da oltre 4mila metri quadri di arbusti con 22 nuovi platani e una superficie di intervento da 10.740 metri quadri lungo i viali Belisario, Ezio, Cassiodoro e Berengario, nell’area della Fiera di Milano.

Vai alla pagina ufficiale del Parco di CityLife »

CityLife in marcia contro la crisi Già venduto il 60% del primo lotto di abitazioni (pronte da metà 2012) e il 35% del secondo. Al via i lavori per la torre Isozaki.

Informazioni sulle Residenze Libeslink »

e sulle Residenze Hadid »

Uno dei progetti tra i più vincenti che sono in corso di realizzazione nella capitale lombarda, è certamente quello di CityLife, promosso da Zaha Hadid, che nel frattempo sta curando anche l’ultimazione dello speciale Aquatic Centre per le Olimpiadi 2012 di Londra.

Vai alla pagina ufficiale del Progetto CityLife »